Eremo di San Giorgio (1125m), da Caino, con GPS

Giro ad anello, partendo da Madonna delle Fontane di Caino. Questo è un giro breve (si torna per mezzogiorno), ma molto bello per la varietà dei panorami e per la selvaticità dei luoghi. 

Giunti a Caino, ridente borgo nella valle del Garza, noto per i suoi figli, di cui parla perfino la Bibbia, si gira nella piazzetta sotto la chiesa e, presa la strada che gira a sn, si sale fino al Pian delle Castagne (450m), dove si parcheggia. Si prosegue diritti per la strada carrabile, in brusca salita. Dopo un centinaio di metri, presso una fontanella, si stacca sulla dx il sentiero per Boatica, ma noi andiamo a sn, fino al suggestivo santuario di Madonna delle Fontane, dal raro tiburio ottagonale e lanterna circolare. Si prosegue diritti, tenendo la strada più larga, evitando i sentieri a sn. Dopo un centinaio di metri, un bivio a dx ci permetterebbe si salire a S.Giorgio per la via della cresta dei roccoli, che va al monte Doppo, ma, senza salire fino in vetta, ridiscende verso l’Eremo. Si tratta del percorso più panoramico, che permette una bella vista dall’alto sul santuario (il tiburio ottagonale si vede solo da qui), ed un magnifico scorcio sull’Eremo dalla spalla del Doppo. Ma è un poco più lungo, costringendo ad una inutile discesa, e pertanto oggi (il tempo non è clemente e chiama acqua) lo evitiamo.

Proseguiamo diritti per il sentiero di fondo valle. Verso i 700 metri troviamo un ometto sulla sn, che segnala l’incrocio con il sentiero da cui scenderemo. Poi la valle si fa più stretta e circondata da rocce incombenti. Si sale fino ai 1000m, stando tra le pareti; quando sembra di essere chiusi in un culo di sacco, un elegante traversino sulla sn ci permette di uscire dal vallone, e traversare verso sn fino a giungere al quadrivio a dx del picco su cui sorge l’Eremo (Loere di S.Giorgio). Al quadrivio giungono nell’ordine: il sentiero da cui veniamo noi, da dx quello che scende dal Doppo (da cui saremmo arrivati girando a dx all’incrocio dopo il santuario), e che porta anche a Boatica: sempre da dx, il Tre valli che viene dal passo del Cavallo (Lumezzane) e, a sn, il Tre Valli che prosegue per Conche (Eremo di S.Costanzo), passando per l’Eremo di S.Giorgio. Giriamo a sn, passiamo accanto ad un roccolo e poi saliamo verso l’Eremo, 50metri sopra di noi. Si giunge dalla parte posteriore della chiesetta, e si scende dalla parte anteriore. Ridiscesi sulla cresta ad Ovest dell’Eremo (opposta a quella di salita), appena il sentiero che prosegue in cresta inizia a salire (dopo 100m), verso sn si prende il percorso di discesa, non indicato né segnato, all’inizio. Più sotto appaiono i segni bianco-rossi. Questo sentiero, ben segnato e comodo, riporta alla Madonna delle Fontane. Noi, per abitudine, seguiamo una variante non segnata: quando il sentiero, sceso fino a 850m, entra nel bosco e si sposta decisamente a sn, giunti nei pressi della cresta che scende direttamente dall’Eremo, mentre il sentiero gira a dx e prende a scendere deciso, una deviazione diritta e molto marcata a sn porta in meno di 20 metri sulla cresta. Si scende per la cresta per meno di 30m per traccia e, giunti dove si spiana, a sn si trova un sentiero che scende all’indietro. Il sentiero, poco percorso, è però ben visibile e ben tracciato; scende con bei tornanti e poi si sposta a sn (qui un breve passaggio su un canalino franato si supera facilmente con un passo più lungo di mezza gamba). Alla fine, dopo un breve traverso pianeggiante a sn, cala nel vallone di salita, nei pressi dell’ometto che, pazientemente, vi ha atteso fin da quando siete passati all’andata. Quindi ritorno per lo stesso.

.

2019-01-27 StGiorgio (02)

2019-01-27 StGiorgio (02)
Immagine 2 di 36

27 Gennaio 2019; la strada per Boatica (e chiesetta di San Rocco)

.

.

Distanza totale: 6560 m
Altitudine massima: 1165 m
Altitudine minima: 445 m
Totale salita: 688 m
Totale discesa: -732 m
Scarica