malga Vesgheno (1450m), con GPS

Malga Vesgheno non è indicata in alcun modo sul terreno, nè la trovate su Internet. Ma costituisce un itinerario molto bello, che completa il giro delle malghe ai 1500m dell’interminabile valle di Graticelle (malga Sarle, malga Bozzoline e capanna Remedio, malghe Vestone e Muffetto, malga Re di Campo) 

Ne ho scoperto l’esistenza scorgendo da malga Vestone il bel sentiero che vi sale, proprio sul pendio di fronte, tenuto aperto dai cacciatori dei roccoli che sorgono sulla Costa Larici, il costone che scende dal Muffetto tra quello di malga Muffetto e quello della capanna Remedio, o, meglio, tra il torrente Costa Bella (o Rango) ad Ovest ed il torrente Vesgheno ad Est.

Vi saliamo partendo da Graticelle (700m) e seguendo la costa sn (dx orog) della valle del Mella di Sarle, cioè saliamo e attraversiamo il paese tenendo la destra e prendendo la strada per Bonaldo.

Seguiamo la bella stradella, ora cementata, ora sterrata, passando per il bivio di Caprile (900m) e poi al Ponte di Rango (990m), che attraversa il torrente Rango, ovvero il torrente Costa Bella (troviamo entrambe le denominazioni). Subito dopo il ponte facciamo una breve deviazione a dx per visitare la frazioncina di Rango, dove anticamente si tesseva la lana, con bell’affresco.

Proseguiamo per il bivio per Bonaldo (1040m) , e saliamo a Bonaldo di Sopra (1140m), passando per Tesa (1070m), dove abbaiano intere mute di cani, non muti.

Giungiamo alla casetta verde, dove finisce la strada ed inizia il sentiero per Bozzoline di Sotto. Appena prima della casa (fontana), la deviazione a sn che sale nel bosco all’indietro, segnata per malga Vestone, sentiero 337.

Seguiamo il bel sentiero tra i faggi, finchè non entra nella valle del Rango, al di là della quale scorgiamo le malghe Gardino e Vestone. Il sentiero giunge sul fondo della valle (incantevole!), dove sorge un piccolo rudere, con presso bella sorgente. Scavalcato il torrente,  a sn si può proseguire per Gardino (non indicato), mentre il sentiero 337 sale zigzagando a fianco del Rango-Costa Bella. Poco più sopra si trova il bivio: il 337 sale verso sn ad incrociare la strada che sale a malga Vestone, mentre a destra si riattraversa il torrente e si sale in diagonale verso per il costone. Giunti vero i 1400m, il sentiero si spiana e passa sopra due bei roccoli, aggirando tutto il costone e giungendo alla malga Vesgheno dall’altra parte. Bellissimo panorama sulle Corna di Mura.

Al ritorno, per variare, giunto al bivio per Bonaldo, prendo la strada indicata per Bongio, che, passando per Bonaldo e poi Sarlene (casa rosa), scende sul fondo della valle di Sarle, dove un bel ponte in pietra (romano?) porta dall’altra parte. Qui si deve risalire. Al primo bivio, benchè Bongio sia indicato a sn, vado a destra dove mi attira la mia buona stella, Infatti giungo direttamente nella piana di Bongio, da dove risalgo in breve alla strada asfaltata che riporta a Graticelle per la Rata di S.Antonio. 

.

.

Distanza totale: 15046 m
Altitudine massima: 1499 m
Altitudine minima: 685 m
Totale salita: 986 m
Totale discesa: -992 m
Scarica