Pasubio: monte Testo (1999m) e dintorni, con GPS

Cronaca di un giro abortito, un po’ perché troppo ambizioso, molto perché partiti in ritardo e con uno di noi che non stava bene. In origine pensavo di toccare il Corno Battisti, il monte Testo, il piccolo Roite, il Dente Austriaco e tornare poi al rif.Lancia. In realtà siamo saliti sul Testo e, per il resto, abbiamo girovagato a vuoto.

Partiti poco sopra del cimiterino austriaco, sulla strada Giazzera-rif.Lancia, fin lì percorribile in automobile, (1400m) abbiamo preso la deviazione a dx per la bocchetta Foxi-Selletta Battisti, Il sentiero sale nel bosco per poi uscire, sotto la m.ga Zocchi, in un ampio pascolo, che sale dolcemente fino alla b.tta Foxi (1720m). Qui, girati a dx, per bel sentiero si giunge in 10min di fronte al Corno Battisti, cui si risale per la selletta omonima, circa 70m più in basso. Essendo già in ritardo, rinunciamo al Corno e torniamo alla b.tta Foxi, proseguendo dall’altra parte per il sentiero 102. Giunti in breve al piede occidentale del m.te Testo troviamo un bivio ben segnato: a dx per il 102 si aggira il Testo in 40min, a sn si va in vetta in un’ora. Non abbiamo il coraggio di rinunciare, e prendiamo a sn. Sul Testo si arriva per un percorso bucolico, in mezzo al bosco e per ampie radure, ma la vetta (che si raggiunge con una deviazione in 5min) cade a picco sulla Vallarsa ed è tutta perforata da gallerie che portano a pusterle affacciate sul vuoto. Per esplorarle solo un poco, il tempo vola, e quando riprendiamo la discesa dall’altra parte, ci avvediamo che l’orologio è corso più di noi, e che il Dente Austriaco ci aspetterà inutilmente. In realtà la visita al Corno Battisti ed alle sue fortificazioni, con l’inizio superiore del sentiero Galli, e poi le grotte del monte Testo meritano una passeggiata dedicata. 

Comunque scendiamo verso il Lancia, fino a trovare un bivio che sulla dx porta alla Bocchetta delle Corde (1900m), dove ritroviamo il 102 che arriva dalla Foxi. Qui prendiamo il sentiero 105 che nel giro di 1,20 orette ci porterebbe alla bocchetta del Piccolo Roite, ai piedi del Dente Austriaco. Il sentiero risale le pendici del Roite, fino a circa 2000m e poi lo aggira a dx, verso la Vallarsa. Giunti sotto la vetta del Roite, scopriamo che il mezzogiorno è già lì che ci aspetta. Pertanto, essendo rispettosi di un orario tirannico, che ci rivuole a casa per le 18, ci giriamo e torniamo indietro: eravamo a 2 km dalla bocchetta del Piccolo Roite che ci avrebbe permesso un giro ad anello. Così, dopo aver mangiato le provviste zainate in una bella radura, scendiamo alla m.ga Pozze e poi al Lancia e da lì per comoda carreggiabile e sentieri scorciatoia, all’automobile. 

.

.

Distanza totale: 16463 m
Altitudine massima: 2037 m
Altitudine minima: 1408 m
Totale salita: 841 m
Totale discesa: -844 m
Scarica