Tre Pizzi (2167m) e Pietra Quadra (2356m), da Mezzeno, con GPS

Due bei monti le cui vette possono essere raggiunte in una medesima giornata. Il Tre Pizzi deve il nome al fatto da essere costituito da tre vette aguzze ed allineate. Più avanti, verso Est, sorge il monte Pietra Quadra, che chiude una valletta che sale a retro (ovest) del passo di Mezzeno. Partendo dal parcheggio di Mezzeno (1600m), si prende il percorso per il passo omonimo, sopra descritto, ma dopo circa 200m di quota si trova un bivio che, verso sn prende il nome di “sentiero dei roccoli”. Si prende questo percorso, che sale verso Ovest e porta ad una bella, grande conca, dove si trova il primo roccolo (del Tino). Poco più avanti, sulla sinistra e fuori sentiero, i resti riammodernati di una malga, adattata a bivacco, mentre sul sentiero sorge la stalla. Qui si abbandona il “sentiero dei roccoli” (cartello con indicazioni) e si sale verso destra, entrando nella valle che porta al laghetto dei Tre Pizzi. Poco prima di giungere alla conca del lago, sulla sn del sentiero, ad un tornante destrorso, si trova una bella sorgente (si sente il rumore dell’acqua). Raggiunta la grande conca, verso destra sale la valle che porta al Pietra Quadra, mentre a sn si gira per un bivacco ben indicato, ma che non abbiamo raggiunto. Infatti, al cartello “Bivacco-Lago”, si gira all’indietro e si sale, per sentiero tracciato e segnato, alla vetta del terzo e più settentrionale dei Tre Pizzi. La salita prevede un tratto di circa 10m quasi verticale, dove occorre togliere le mani di tasca, ma senza alcun pericolo, se si resta bene attaccati ai numerosi spuntoni. Tornati indietro (non è infatti possibile proseguire oltre, se non agli scalatori), si gira verso destra e si raggiunge subito ilo bel laghetto dei Tre Pizzi, oltre il quale il sentiero, ben tracciato e segnato, inizia a salire, tenendosi sul lato sn (dx orog) della valletta. Giunto sotto il salto finale, sale verso sn per una striscia erbosa piuttosto erta, ma con tornanti, fino a traversare verso destra e raggiungere il crinale Est del Pietra Quadra. Da qui, in breve, si sale alla Madonnina, posta qualche metro sotto la vetta, e poi anche alla vetta, stretta e allungata da Est ad Ovest. Dall’altra parte, caduta a picco, da non guardare per chi soffre di vertigini. Al ritorno, se si raggiunge il bivacco dei Tre Pizzi, è possibile tornare a valle con un giro ad anello, che non abbiamo fatto per pigrizia, preferendo ripassare alla sorgente (caldo torrido).

.

.

Distanza totale: 10591 m
Altitudine massima: 2342 m
Altitudine minima: 1568 m
Totale salita: 873 m
Totale discesa: -893 m
Scarica